Crea sito

A scuola con POKONASO…

 

Le storie di Pokonaso

Le storie di Pokonaso a.s. 2007-2008

Pokonaso un giorno con babbo andò al mercato.
Babbo portò con sè i ciottoli da barattare per un pò di pietra focaia per riaccendere il fuoco che Pokonaso aveva spento; anche Pokonaso portò con sè un ciottolo colorato trovano al fiume.
Prima di partire la mamma raccomandò a Pokonaso: “Stai attento quando attraversi il sentiero!”
Pokonaso saltava felice, quando, sulla strada, spuntò correndo una grande mandria di rinoceronti e babbo e figlio si buttarono in un fosso per non essere travolti.
Quando tutto finì, Pokonaso e babbo attraversarono il sentiero e arrivarono al mercato .
Pokonaso aveva visto un grande recinto con dentro molti mammuth  grandi, tra questi ve ne era uno anche piccolo, che nessuno aveva barattato.
Pokonaso  volle  scambiare il suo ciotolo per avere quel piccolo mammut ,ma quando babbo lo vide chiese: “Dove hai preso quel mammuth ? Lo hai rubato da un recinto?”.
Pokonoaso spiegò di averlo barattato, così babbo lo prese il mammuth per la proboscide e lo portò a casa. Pokonaso lo chiamo Okkibuffi  perché aveva un occhio verde e uno rosso…….

immagine_02

Un giorno la zia di Pokonaso andò a casa della sorella. Quando arrivò aveva al collo una collana di conchiglie. Dopo che la  zia  se ne fu andata Pokonaso chiese alla mamma di che cosa era fatta la collana della zia. La mamma rispose: ”Sono delle conchiglie !”.
A Pokonaso venne l’idea di fare una collana anche per lei. Dopo aver chiesto dove e cosa fosse il mare, Pokonaso e Okkibuffi partirono presto, senza avvisare nessuno; nel loro cammino verso il mare incontrano un orso e un rinoceronte che li voleva attaccare.
Quando il nostro amico arrivò al mare con Okkibuffi si mise a cercare le conchiglie però non le trovò, allora si mise a dormire sulla spiaggia.      La mattina seguente si alzarono presto per cercare le conchiglie, ma il mare era sparito iniziarono a fare avanti e indietro ma non lo trovarono; però guardando bene sulla spiaggia Pokonaso trovò le conchiglie !!!   Le prese velocemente ma le tasche erano troppo piene di conchiglie per contenerne ancora. Intanto la marea si era alzata e i due si trovarono in mezzo alle onde. Pokonaso salì sulla schiena di Okkibuffi e riuscirono a tornare a riva.   Ritornarono a casa con le conchiglie, però i genitori erano arrabbiati  perché non avevano detto niente.     Ma la mamma era comunque felice perché Pokonaso aveva portato a casa le conchiglie per fare la collana.

immagine_03

La caverna dove abitava Pokonaso era vicino al fiume,all’inizio della valle, dove c’era una rupe.
A  Pokonaso  piaceva  camminare sulla rupe su un sentiero a zig zag.  Pokonaso e Okkibuffi si erano sdraiati  sull’erba, per riprendere fiato dopo la salita. Il bambino staccò le testoline pelose dai “fiori-soffioni” e soffiandoli addosso a Okkibuffi, che si spostò per riaddormentarsi.  Si era appena accovacciato, che saltò su con un possente barrito.
Pokonaso andò a vedere cosa  era successo.
Okkibuffi  si era sentito una puntura e guardando tra le foglie si accorsero che ciò che l’aveva punto era  un vecchio corno.
Pokonaso  tornò a casa  e quella  sera a cena disse:  “Oggi ho trovato un corno vecchio. Era troppo pesante, non sono riuscito a sollevarlo!”.
Mentre Pokonaso lo raccontò, i suoi genitori  non gli cedettero subito, però babbo poi ne volle sapere di più.
Pokonaso  descrisse il corno e babbo gli credette.
“Il grande alce!” rispose babbo.  Pokonaso non aveva mai sentito parlare del grande alce.      Il mattino seguente la famiglia di Pokonaso con i cestini s’incamminò verso la brughiera dove si trovavano i mirtilli. Pokonaso  cercava  i mirtilli  più  dolci,  allontanandosi sempre più dalla  sua famiglia. Per fortuna Okkibuffi  lo aveva  seguito. Si persero, si trovarono dentro una nebbia fitta e senza accorgersene andarono dentro la palude.
Pokonaso urlò, ma babbo non sentì.
Dalla nebbia sbucò un enorme sagoma. Era il grande alce, che si fece seguire e portò i due fuori pericolo.
Tornato dai genitori, che lo stavano cercando, Pokonaso spiegò cosa era accaduto, ma ancora una volta, nessuno gli credette.       

                                                                                                                                                     

immagine_04

Un  giorno Pokonaso voleva andare a pesca con Babbo.
Prima  Babbo non lo voleva perché di solito spaventava i pesci con i suoi urli, ma la  mamma lo convinse a portarlo con sè.
Arrivati al fiume Babbo cominciò a pescare.
Dopo un po’, per allontanare Pokonaso che faceva confusione, Babbo gli chiese di prendere la legna.
Pokonaso  tornò  però  con della legna bruciata.
Allora  Babbo gli chiese dove l’aveva  trovata e  il ragazzo gli disse  che l’aveva  presa  lì  vicino.  Babbo molto spaventato prese per mano Pokonaso e corse alla caverna,  urlando a tutta la tribù di chiudersi nelle caverne, mettendo dei sassi davanti all’apertura.
Poi tutti si misero in fondo alla caverna e ogni tanto  guardavano attraverso i sassi. Pokonaso chiese a Babbo perché ci si doveva nascondere e Babbo rispose che forse lì vicino potevano esserci i terribili Nasastri, loro nemici.
Dopo  molto  tempo  dei  componenti  della  tribù  andarono  a  vedere  se c’erano  ancora  i  Nasastri,  ma non  li  videro.
Un  paio  di  giorni  dopo,  Pokonaso  e  Okkibuffi  uscirono  a  giocare,  a  un  certo  punto   Pokonaso  vede  degli uomini  in  lontananza  e pensarono che fossero i  cacciatori  che  erano  usciti di  mattina,  allora  gli  andò  incontro,  ma  quando  fu più   vicino  si  accorse che  erano  i  Nasastri.
Okkibuffi  era  rimasto  indietro a causa della sua lentezza.
I Nasastri intanto avevano catturato Pokonaso e lo portarono  nel loro accampamento.  Pokonaso già  pensava  di  essere  ucciso, maOkkibuffi,  che  era  rimasto  indietro, con tutte  le sue forze corse contro i Nasastri e finì contro una capanna che cadde dentro il  fuoco e bruciò l’accampamento.
Nella  confusione Okkibuffi salvò Pokonaso, e insieme scapparono a  tutta velocità.

immagine_051

Un giorno Pokonaso e Okkibuffi andarono a fare una passeggiata tra le colline. Mentre camminavano per la collina Pokonaso e Okkibuffi videro delle orme di uomo. Pokonaso iniziò a seguire le orme, camminando si accorse che era sera, allora si fermò a dormire lì dove era arrivato. La mattina seguente  Pokonaso iniziò il suo cammino per vedere cosa c’era alla fine delle orme . Quando arrivò trovò una scatola di legno. Dentro la scatola c’era un braccialetto con i “ghirigori”. La strada fù molto lunga per ritornare a casa . I suoi genitori erano in pensiero per Pokonaso perché non era tornato a casa . Il mattino seguente Pokonaso disse al suo papà che aveva trovato un braccialetto di “ghirigori” e decisero con babbo che il braccialetto era per la mamma. La mamma appena vide la collana si mise a piangere per la gioia. Pokonaso fu felice di avere fatto un altro regalo alla mamma…..